FAQ

Le domande più frequenti

GENERALE

1. Cosa è POWERPLUS?

1. E' il modulo di ERP-ITALIA dedicato alla rendicontazione dei centri SPRAR che ha come obiettivo la creazione in Excel della rendicontazione.

2. Cosa è l'ordine di rendicontazione per POWERPLUS?

2. E' la strumento che servirà per creare/aggiornare, in automatico, i files principali di rendicontazione, in Excel, da presentare agli organi competenti.

3. Come viene offerta, ai centri SPRAR, la soluzione ERP-ITALIA?

3. La soluzione viene offerta in cloud, a noleggio mensile e comprende, soprattutto, un servizio di assistenza per l'attivazione, formazione iniziale e successiva alla partenza in produzione della piattaforma, fino al periodo in cui si è deciso di utilizzarla, indipendentemente dagli utenti registrati sulla piattaforma stessa.

4. Qualora non volessi più usare la piattaforma, sussistono obblighi che mi costringono a continuare a pagare il canone di noleggio?

4. Assolutamente No. Basterà inviare una richiesta scritta (e-mail o fax) entro 15 giorni precedenti l'inizio del mese da cui non si intende più utilizzare la piattaforma, per sospendere il contratto di noleggio.

5. E' possibile provare la soluzione prima di utilizzarla?

5. Premesso che è sempre possibile richiedere una demo, gratuita in remoto, con un nostro consulente e quindi toccare con mano tutte le funzionalità dedicate alla rendicontazione, è sempre possibile, qualora si voglia provare la soluzione in proprio, attivare un progetto di prova in cloud.

6. Qualora la mia organizzazione avesse più progetti SPRAR da gestire, come si dovrà procedere ai fini della rendicontazione?

6. Occorre semplicemente dichiarare, in fase di attivazione della piattaforma, quanti sono tali progetti e verranno attivati, sulla stessa piattaforma, tanti DATABASE quanti sono i progetti dichiarati, a cui si potrà avere accesso scegliendo, dal menù a tendina della maschera iniziale di accesso, quello desiderato. In questo modo, ogni progetto avrà la sua rendicontazione personalizzata.

7. Gestisco diversi progetti SPRAR, ognuno identificato nella maschera di accesso ad ERP- ITALIA, con la sua denominazione da scegliere da apposito menu a tendina ma, quando provo a passare da un progetto all'altro, selezionando un nuovo progetto, compare un messaggio di errore. Come mai?

7. Per risolvere il problema, dopo aver fatto la scelta del nuovo progetto da analizzare, basterà semplicemente, cliccare sul pulsante AGGIORNA del browser.

8. Nel caso in cui dovessi registrare documenti di spesa che fanno riferimento ad un nuovo anno, cosa dovrò fare per allineare la mia documentazione con il progressivo iniziale?

8. Assolutamente nulla. POWERPLUS è già impostato per riconoscere in automatico il caricamento del documento di spesa che fa riferimento ad un nuovo anno (in quanto la data del documento di spesa è compreso nel range di inizio e di fine anno nuovo) e quindi assegnerà, nel momento in cui viene validato il documento di spesa, la progressione automatica aggiornata con il nuovo anno (per default, anno e numero progressivo documento caricato a sistema).

9. Ho provato a generare un nuovo ordine di rendicontazione ma il sistema è rimasto in attesa per diverso tempo. Come mai?

9. Il tempo in attesa varia in base al numero dei documenti elaborati da POWERPLUS e può andare da qualche secondo a qualche minuto. In ogni caso, occorre sempre attendere la fine dell'elaborazione che verrà segnalata dallo stato di non elaborazione (durante lo stato di elaborazione compare a video una finestra di colore grigio che impedirà l'accesso ai link per scaricare i file di rendicontazione aggiornati). Se poi, il tempo di attesa dovesse essere eccessivo e non dovessero comparire messaggi di errore, controllare la connessione ad Internet, quindi riprovare.

10. Al primo accesso, non appena provo a fare qualsiasi operazione, il sistema mi chiede di inserire l'indirizzo mail. Come mai?

10. Condizione essenziale per iniziare a lavorare con POWERPLUS è quella di inserire, alla voce del menu, in alto a destra, PREFERENZE, la mail dell'utente.

11. Accedendo come utente appartenente al gruppo FATTURE E PAGAMENTI non è possibile accedere ai dati di rendicontazione. Perchè?

11. Semplicemente per il fatto che l'utente FATTURE E PAGAMENTI ha dei permessi limitati e quindi non potrà incidere assolutamente sulle regole che porteranno alla generazione della rendicontazione in Excel o alla visualizzazione della stessa.

12. Quando e perché utilizzare la funzione RIPRESA DEI SALDI ?

12. La RIPRESA DEI SALDI verrà usata qualora il centro dovesse produrre rendicontazioni diverse da quella annuale o quando, in caso di passaggio a POWERPLUS, si volesse mantenere il lavoro fatto con il precedente sistema. In pratica, ogni qualvolta che verrà presentata una tranche di rendicontazione, dovranno essere riportati i dati aggregati del prospetto di rendicontazione finale dell'ultima rendicontazione sui campi omonimi della funzione RIPRESA DEI SALDI in IMPOSTAZIONE CENTRI. Il risultato ottenuto, sarà che verrà automaticamente allineata, dopo aver generato un nuovo ordine di rendicontazione, la situazione a livello di budget per tutte le voci di spesa singole o aggregate.

13. Quanti utenti possono essere attivati sulla piattaforma?

13. Per default, verranno forniti, per progetto, 2 utenti, rispettivamente appartenenti al gruppo revisore contabile (admin del centro) e fatture e pagamenti (user limited). In ogni caso, può essere richiesto l'attivazione di più utenti, purché appartenenti ai gruppi sopra indicati.

14. Come viene gestita la privacy dell'utente registrato nella piattaforma?

14. In fase di attivazione, verranno forniti due utenti (rc=revisore contabile e fp=fatture e pagamenti) con una password standard, che deve essere, preferibilmente, modificata al primo utilizzo della piattaforma. In ogni caso, l'utente, potrà, in qualsiasi momento, modificare le password o il nome dell'utente, attraverso la procedura dedicata.

15. POWERPLUS gestisce le buste paghe?

15. No. POWERPLUS gestisce l'inserimento degli importi delle voci, per dipendente, collaboratore, stagista, nei registri Risorse Umane, suddivisi per mese, ma non il calcolo dettagliato che dovrà essere sempre demandato a specialisti nel settore.

16. Se il supporto con cui utilizzo la piattaforma ERP-ITALIA, venisse danneggiato o peggio ancora distrutto o fossero presente, in esso, virus, perderei o rischierei di perdere tutti i miei dati.

16. Assolutamente No. La piattaforma viene offerta in cloud ed i dati, quindi, risiedono non sul supporto ma in una area di memoria virtuale dedicata su cui vengono attivati backup di diverso livello che permettono, all'occorrenza, di ripristinare la situazione alla data desiderata.

17. Che browser è consigliabile utilizzare per accedere alla piattaforma?

17. Premesso che si potrà utilizzare qualsiasi browser, si consiglia, comunque, MOZILLA FIREFOX.

POWERPLUS-DOCUMENTI DI SPESA

1. Come procedere, in POWERPLUS, per rendicontare l'importo di un documento di spesa come importo cofinanziato?

1. Occorrerà semplicemente flaggare, nella sezione SPRAR del singolo documento di spesa, il campo IMPORTO COFINANZIATO e la riga o tutte le righe di quel documento di spesa e quindi i relativi importi, verranno riportati, in automatico, nella colonna IMPORTO COFINANZIATO del registro generale delle spese e, di conseguenza, anche nella colonna IMPORTO COFINANZIATO del prospetto di rendicontazione finale in Excel.

2. Come fare per annullare, un documento di spesa dalla rendicontazione in Excel, creata tramite POWERPLUS e già presentata agli organi competenti, se questo è stato considerato inammissibile, tenendo valida la progressione numerica della rendicontazione e tutti gli altri dati riferiti ad altri documenti di spesa?

2. Occorrerà flaggare, nella sezione SPRAR, del singolo documento di spesa, il campo ANNULLATO DOPO CONTROLLO ENTE e rigenerare un nuovo ordine di rendicontazione. Il risultato ottenuto sarà, principalmente, che il progressivo della rendicontazione in Excel rimarrà sempre lo stesso ma, l'importo richiesto o cofinanziato del documento di spesa,verrà azzerato e nella colonna descrizione del Registro generale delle spese, verrà inserito il commento ANNULLATO evidenziato in rosa. Di conseguenza avverrà anche l'aggiornamento sul prospetto di rendicontazione finale in Excel per quanto riguarda l'importo singolo e totale aggregato per categoria di beneficiari.

3. Come fare per ribaltare in percentuale un documento di spesa, qualora, lo stesso, fosse riferito contemporaneamente alle categoria dei beneficiari ordinari ed aggiuntivi?

3. Occorrerà inserire nei campi “Categorie” del singolo documento di spesa, della sezione SPRAR della funzione DOCUMENTI DI SPESA di POWERPLUS, la percentuale opportuna di ribaltamento.

4. Qualora volessi modificare la percentuale di ribaltamento di un documento di spesa e quindi avere una nuova situazione aggiornata dell'intera rendicontazione in Excel, come procedere?

4. Basterà semplicemente accedere al documento di spesa tramite la funzione DOCUMENTI DI SPESA e dopo aver cliccato sul pulsante MODIFICA ed aver effettuato, nella sezione SPRAR, la modifica della percentuale, generare un nuovo ordine di rendicontazione tramite la funzione dedicata.

5. E' possibile imputare su POWERPLUS una voce di spesa con importo negativo (Es. quota TFR)?

5. Certamente. Basterà semplicemente indicare, all'atto del caricamento del documento di spesa, l'importo della voce di spesa con segno negativo. Tale importo, con segno negativo, verrà riportato sul registro generale delle spese nelle colonne opportune.

6. Qualora volessi caricare su POWERPLUS un registro Risorse Umane con personale da rendicontare ora ad importo cofinanziato ora come contributo richiesto, come fare per attuare una corretta imputazione ai fini della corretta creazione del registro generale delle spese?

6. Si consiglia di creare 2 documenti di spesa Registri e, dopo aver assegnato nel campo MESE REGISTRO, la giusta descrizione (es. RISORSE UMANE DICEMBRE COFINANZIATE e RISORSE UMANE DICEMBRE) inserire le voci di spesa che avranno, a secondo dei casi, sul campo IMPORTO COFINANZIATO della sezione SPRAR, il flag spuntato o meno.

7. All'atto del pagamento di un documento di spesa non è possibile fare un pagamento parziale. Perche?

7. In ragione del fatto che potrebbero, per errore, essere presentati documenti di spesa che sono stati pagati, ma solo parzialmente, si è scelto di rendere il capo IMPORTO PAGATO non editabile. In caso di pagamenti parziali si può comunque tenere a livello descrittivo lo storico dei pagamenti ed inserire tale storico all'atto del pagamento totale nel campo RIFERIMENTO PAGAMENTI.

8. I valori aggregati riportati sui file Excel di rendicontazione per entrambe le categorie di beneficiari, non coincidono con quelli dichiarati e visibili sulla piattaforma. Perchè?

8. Qualora i documenti di spesa fossero in stato DA SALTARE o IN ATTESA e la rendicontazione, invece, fosse stata generata a partire dallo stato DA PROCESSARE, non sarà possibile, come giusto che sia, visualizzare i documenti nello stato DA SALTARE o IN ATTESA e quindi correttamente i valori aggregati riportati dalla piattaforma e quelli presentati a livello di file Excel, saranno non coincidenti. Per verificare la congruenza ed esattezza dei dati si consiglia di usare i filtri di ricerca predisposti nella vista ad albero (tree) del documento di spesa e raggruppare i documenti a secondo dell'analisi che si intende effettuare.

9. Come fare a sapere quanto è stato speso in totale, indipendentemente dalla suddivisione delle spese fra categorie beneficiari, per ogni singola voce di spesa in un determinato periodo (giorni, mese, trimestre, quadrimestre, anno/i)?

9. Basterà scegliere dal menu generale REPORTISTICA, il sotto menù DOCUMENTI DI SPESA. Per default, verrà fornita la situazione aggiornata per le categorie di spesa aggregate. Per entrare nel dettaglio di ogni singola voce di spesa, posizionandosi sul simbolo (+) e cliccando con il tasto destro, si aprirà un menu da cui scegliere diverse opzioni fra le quali VOCI DI SPESA.

10. Qualora un documento di spesa fosse già stato pagato e quindi passato dallo stato APERTO a quello di PAGATO o PAGATO E RICONCILIATO è possibile ritornare allo stato APERTO?

10. Certamente, occorrerà semplicemente annullare la riconciliazione e cancellare la registrazione del pagamento.

11. Come fare per annullare una registrazione riconciliata?

11. Basterà semplicemente cliccare, nella sezione PAGAMENTI del documento di spesa, sulla registrazione contabile del pagamento e scegliere il pagamento che si intende annullare, quindi posizionarsi sul riferimento della riconciliazione (individuato da un codice progressivo es. A4) e procedere all'annullamento tramite la funzione dedicata, ovvero “ANNULLA RICONCILIAZIONE” posizionata all'interno del bottone ALTRO in alto al centro.

12. E' possibile avere un dettaglio per mese della data di scadenza dei documenti di spesa?

12. Si. Basterà scegliere dal menu generale POWERPLUS, il sotto menù DOCUMENTI DI SPESA. Quindi, attivare i filtri di ricerca standard e scegliere l'opzione DOVUTO MESE.

13. Ho generato un ordine di rendicontazione a partire da documenti di spesa che devono essere ribaltati solo per una specifica categoria di beneficiari (es. ORDINARI), ma controllando nell'ordine di rendicontazione ed in particolare per la categoria degli AGGIUNTIVI, scopro che sono stati inseriti dei valori che non sono stati dichiarati come aggiuntivi. Come mai?

13. Per default, sul campo AGGIUNTIVI e ORDINARI, la percentuale di ribaltamento è fissata con un dato specifico (ovvero: -1) che equivale ad inserire, in automatico, in quel campo, la percentuale di ribaltamento calcolata in base al sistema automatico di conteggio delle presenze mensili dei beneficiari. Per dichiarare quindi che, per quella specifica categoria, (AGGIUNTIVI) non si devono fare ribaltamenti, basterà semplicemente modificare il valore -1, presente per default, con il valore percentuale 0 (zero).

14. Ho caricato nella sezione SPRAR dei DOCUMENTI DI SPESA per un singolo documento un file elettronico, ma cliccando su DOCUMENTI PDF di REGISTRI PRESENZE non vedo visualizzato il documento in PDF. Come mai?

14. Occorrerà generare un nuovo ordine di rendicontazione che aggiornerà la funzione specifica dedicata ai PDF.

15. Qualora i documenti di spesa venissero caricati da più utenti, c'è modo per tenere traccia dell'utente che ha caricato uno specifico documento di spesa e delle attività svolte su esso?

15. Si. In basso, nella maschera dei documenti di spesa, c'è uno storico che mostra ad ogni registrazione o cambiamento di stato, un dettaglio con riferimento a chi ha fatto cosa, quando e che cosa.

16. Come fare per ordinare i documenti di spesa sul REGISTRO GENERALE DELLE SPESE in Excel, in base ad una progressione specifica di date?

16. Occorrerà modificare o confermare, per ogni singolo documento di spesa il dato espresso in forma di data, presente nel campo DATA DI ELABORAZIONE della sezione SPRAR della funzione DOCUMENTI DI SPESA.

17. In fase di passaggio ad anno successivo, la DATA DI ELABORAZIONE per documenti in stato bozza ed in stato aperto, risulta impostata ad una data facente riferimento ancora all'anno passato. Come fare per evitare di dover inserire per tutti i documenti di spesa la data desiderata aggiornata all'anno nuovo?

17. Premesso che, qualora venisse utilizzata la funzione PAGAMENTI, la data di elaborazione del documento di spesa, indipendentemente dalla data del documento di spesa, tenderà a coincidere con la data del pagamento e quindi ci sarebbe un perfetto allineamento della data di elaborazione, basterà utilizzare la funzione MODALITA' SVILUPPATORE, posta all'estrema destra del menu generale ed in particolare l'opzione FILTRO PREDEFINITO, per stabilire in automatico la data da inserire nel campo DATA DI ELABORAZIONE.

18. Per creare il file di rendicontazione in Excel è obbligatorio seguire tutti gli stati (bozza→aperto→validato→pagato→ pagato e riconciliato) del documento di spesa?

18. No.

ANAGRAFICHE

1. In caso di creazione di nuova variante di una determinata voce di spesa, la variante, per default presente in LISTA VARIANTI, deve essere aggiornata?

1. No. Si consiglia di lasciare la variante presente per default in LISTA VARIANTI come predefinita e creare una nuova variante ex novo che dovrà sempre contenere la regola analitica e quindi il riferimento interno della variante che identifica la variante stessa (es. nel caso di utenze, la variante delle voce di spesa sarà l'indirizzo dell'utenza o, nel caso di personale, il nominativo del dipendente o collaboratore).

2. Vorrei cambiare la descrizione di una voce di spesa. Come fare?

2. Basterà semplicemente cliccare, dopo aver scelto da ANAGRAFICA VOCI DI SPESA, la voce di spesa da modificare, sul pulsante MODIFICA. Il cambiamento della descrizione della voce di spesa comporterà anche il cambiamento della descrizione delle eventuali varianti di voce di spesa, tranne per la parte riguardante la descrizione riferita al riferimento interno variante.

3. Come fare per stabilire un importo fisso per voce di spesa che dovrà essere proposto in automatico, all'atto del caricamento della stessa sul documento di spesa? (es. valore Pocket Money, Canone mensile di locazione, ecc.)?

3. Basterà semplicemente inserire ed al termine, salvare, nella sezione APPROVVIGIONAMENTI ed in particolare nel campo COSTO DI ACQUISTO, di una specifica voce di spesa, l'importo fissato.

4. Se una voce di spesa dovesse essere rendicontata sempre come IMPORTO COFINANZIATO, è possibile automatizzare l'inserimento nel registro delle spese per la colonna IMPORTO COFINANZIATO?

4. Si. Basterà semplicemente flaggare, nella sezione SPRAR della anagrafica di quella specifica voce di spesa, la casella corrispondente del campo IMPORTO COFINANZIATO.

5. Se un documento di spesa (Es. Fattura) presentasse la stessa voce di spesa ma con aliquote diverse, come dovrà essere imputato a sistema il documento di spesa ai fini della rendicontazione?

5. Se il contributo da rendicontare dovesse essere richiesto sul valore totale del documento, il sistema sarà predisposto per l'inserimento in automatico del codice IVA 00 (cioè nullo) e basterà caricare una singola voce di spesa con l'importo coincidente con il totale del documento. Viceversa, qualora il contributo dovesse essere richiesto sul valore dell'imponibile, occorrerà caricare la stessa voce di spesa corredata dai codici IVA e l'importo imponibile, corrispondenti a quanto riportato nella fattura o in altro documento di spesa. In quest'ultimo caso verranno riportati sul REGISTRO DELLE SPESE tutte le voci di spesa, suddivise per aliquota, in modo tale che, la somma delle stesse, corrisponda al totale dell'imponibile del documento analizzato.

6. Come fare per distinguere una voce di spesa da una variante voci di spesa se la descrizione è la stessa?

6. A livello di maschera a video, la voce di spesa generale, a differenza della variante, riporterà in ANAGRAFICA VOCI DI SPESA, una sezione definita VARIANTI da cui poter scegliere la LISTA VARIANTI.

7. Cosa occorre aggiornare, in anagrafica voce di spesa, in fase di creazione di una variante voci di spesa?

7. Occorrerà semplicemente inserire, nel campo RIFERIMENTO INTERNO VARIANTE, la descrizione della variante ed assegnare la regola analitica, anche se la voce di spesa principale contenesse una propria regola analitica.

8. A cosa serve la regola analitica per la voce di spesa o per le sue varianti?

8. Serve per avviare il sistema automatico di inserimento dei corretti valori di ogni documento di spesa, per tipo di progetto (Ordinari e/o Aggiuntivi).

9. Come fare ad impostare la giusta regola analitica per voci o varianti voci di spesa?

9. Basterà semplicemente cliccare sulla sezione REGOLE ANALITICHE di ogni singola voce di spesa o variante e scegliere il piano, già predisposto, in base alla descrizione del codice categoria di spesa; quindi, salvare.

PAGAMENTO FORNITORI

1. Nel caso in cui si volessero chiudere più documenti di spesa con un unico pagamento, occorre necessariamente ripetere la procedura del pagamento per tutti i documenti di spesa interessati?

1. No. In alternativa è possibile scegliere dal menu POWERPLUS, la funzione PAGAMENTO FORNITORI. Quindi cliccare su CREA ed inserire i dati nel campi dedicati, ovvero: fornitore, importo e tipo di pagamento.

A questo punto verranno visualizzate tutte le patite aperte per quel fornitore con la possibilità di scegliere i documenti di spesa che si intendono chiudere con tale pagamento.

2. In caso di pagamenti multipli (es. un pagamento che chiude più documenti di spesa) è necessario ripetere, sui documenti di spesa, il riferimento del pagamento o dei documenti di spesa che verranno chiusi con tale pagamento ?

2. No. Nel momento in cui si chiude il pagamento, verrà inserito, in automatico, per ogni documenti di spesa, il tipo pagamento (Banca, Cassa) ed il riferimento pagamento (assegno n. x), oltre al riferimento (contabile) di tutti i documenti di spesa che verranno chiusi da quel pagamento ed altre note (libere).

REPORTISTICA

1. Come fare per visualizzare tutti i documenti di spesa caricati per uno specifico Fornitore?

1. Basterà cliccare (all'interno del singolo documento di spesa) sulla freccetta azzurra posta a destra del fornitore; quindi cliccare, all'interno dell'anagrafica di quel fornitore, il pulsante DOCUMENTI DI SPESA. In alternativa, scegliere dal menu POWERPLUS, il sotto menù PARTNERS e procedere come sopra.

2. Nel caso in cui la rendicontazione fosse presentata per tranche è possibile tenere traccia dei documenti di spesa che sono stati presentati ora alla prima ora all'ennesima tranche?

2. Certamente. Basterà creare 1 o n filtri (a secondo delle tranche) per stato di rendicontazione documento di spesa (Es. Da processare - 1a tranche, Da processare - n° tranche) ed assegnare, tali filtri, ai documenti di spesi caricati. Successivamente, all'atto della generazione dell'ordine di rendicontazione su Excel, scegliere il filtro opportuno per creare la rendicontazione. Infine, per visualizzare a sistema i documenti suddivisi per tranche, basterà cliccare, sulla maschera ad albero dei documenti di spesa, sul filtro già predisposto per default, che raggrupperà tutti i documenti di spesa in base ai filtri predisposti ovvero: STATO DI RENDICONTAZIONE DOCUMENTO.

3. Ho la necessità di creare dei report specifichi per tenere sotto controlli determinate situazioni ma, i report predisposti in REPORTISTICA, non soddisfano la mia richiesta. Esiste un modo per generare report personalizzati?

3. Si. Basterà predisporre tramite i filtri della Business Intelligence di POWERPLUS, il report che si vuole tenere sotto controllo e salvarlo nella DASHBOARD di REPORTISTICA. Il risultato sarà che su REPORTISTICA avremo il report aggiornato in tempo reale.

4. E' possibile scaricare in Excel i dati dei report analizzati?

4. Si. Tutti i dati, di tutti i report standard o creati su dashboard, visualizzati a video, potranno essere scaricati in Excel tramite funzione dedicata.

5. Esiste un modo per ottenere dal registro generale delle spese generato da POWERPLUS un elenco di tutti i documenti di spesa suddivisi per categoria (voce di spesa).

5. Si. Il modo più semplice per risolvere il problema è senza dubbio quello di usare la funzione FILTRO ed in particolare l'opzione FILTRO AUTOMATICO del file EXCEL e filtrare in base alla categoria (voce di spesa).

6. A cosa serve il report MARGINE DI TESORERIA?

6. Il Margine di Tesoreria servirà per conoscere, in automatico, ad uno specifico momento (giorno, settimana, mese, anno) la disponibilità che si ha in cassa rispetto a quanto entrato e speso.

7. Avevo creato un report personalizzato e salvato in dashboard, ma adesso non lo visualizzo più. Come mai?

7. Sicuramente, è stata cliccata la “X” che chiude il report. Rigenerare il report, tramite la funzione dedicata.

REGISTRI PRESENZE

1. Generando un ordine di rendicontazione, compare a video un messaggio bloccante che specifica che per un documento di spesa che fa riferimento ad un un determinato mese non sono state caricate, per quel mese, le presenze mensili beneficiari. Come fare per proseguire con la generazione della rendicontazione?

1. Basterà andare al menu POWERPLUS, quindi scegliere il sottomenù REGISTRI PRESENZE e caricare, per il mese mancante, le presenze mensili, distinte per categorie beneficiari. Qualora, invece non venisse utilizzato il sistema automatico di ribaltamento in base alle presenze mensili, si consiglia, di inserire, nel sottomenù REGISTRI PRESENZE, il numero dei beneficiari distinti per mese e per categoria a fini statistici.

2. Generando un ordine di rendicontazione, compare a video un messaggio generico di errore bloccante che impedisce l'aggiornamento dei file di rendicontazione in Excel. Come fare per risolvere il problema?

2. Basterà controllare che le regole di rendicontazione per le nuovi voci di spesa o varianti delle voci di spesa, caricate dall'utente, siano state correttamente impostate. In particolare, occorrerà verificare, in anagrafica voci di spesa, la presenza o meno delle regole analitiche sia per la voce di spesa che per ogni variante (cliccando sul pulsante REGOLE ANALITICHE). In alternativa, rivolgersi all'assistenza clienti che tramite controllo interno, individuerà immediatamente le voci di spesa da aggiornare.

3. Perchè il progressivo di un documento di spesa sul registro generale delle spese generato da POWERPLUS viene ripetuto?

3. Semplicemente per il fatto che, se un documento di spesa fosse composto da più righe, il progressivo, ma anche il n. del documento, verrebbe ripetuto per ogni riga del documento di spesa.

4. Sul registro delle spese non c'è il totale finale delle spese sostenute. Perchè?

4. Perchè il dato in questione potrà essere visualizzato o nel prospetto di rendicontazione finale o nel prospetto PROIEZIONE BUDGET. In ogni caso, ogni pagina creata da POWERPLUS, conterrà il totale finale per pagina.

IMPOSTAZIONI CENTRI

1. Ho modificato in IMPOSTAZIONE CENTRI, alcuni valori numerici corrispondenti ad alcune voci di spesa del PIANO FINANZIARIO A PREVENTIVO, ma cliccando sui link ORDINARI EXCEL E AGGIUNTIVI EXCEL della funzione REGISTRI PRESENZE, e scaricato i files, non trovo la modifica appena eseguita. Come mai?

1. Per avere la modifica dei dati sui file EXCEL di rendicontazione, occorrerà semplicemente rigenerare un nuovo ordine di rendicontazione e quindi riprovare a scaricare i files di rendicontazione aggiornati.

2. In caso di passaggio a POWERPLUS è necessario, ai fini della rendicontazione, iniziare ad utilizzare lo stesso partendo dall'inizio dell'anno?

2. No. Esiste una funzione dedicata chiamata RIPRESA DEI SALDI che consentirà di inserire i dati aggregati risultanti dall'eventuale ultima tranche di rendicontazione presentata e che allineerà la situazione effettiva aggiornando i dati sul PIANO FINANZIARIO A CONSUNTIVO.

3. E' possibile combinare fra di loro lo stato di rendicontazione dei documenti di spesa (es. STATO DA PROCESSARE E STATO IN ATTESA)?

3. Per default ed in automatico, no. L'elaborazione avverrà esclusivamente per lo stato di rendicontazione prescelto. L'alternativa, che però è manuale, consiste nel modificare lo stato di rendicontazione di tutti i documenti di spesa, rendendolo uguale per i documenti che si vogliono combinare (es. si potrebbe creare uno stato di rendicontazione chiamato DA PROCESSARE ED IN ATTESA ed assegnarlo a tutti i documenti di spesa oggetto di combinazione).